La Nostra Storia

Il motto della nostra azienda è: “il travertino ha fatto la storia ed è la storia”; egualmente si puo’ dire che la nostra famiglia ha fatto la storia del travertino di Rapolano.

Alla morte del capostipite, Giuseppe Carmi, agente di cambio con l’hobby dell’agricoltura, nel 1940, le nostre cave erano già in produzione, dopo la guerra il figlio Alberto, allora giovanissimo, le ha sviluppate e condotte fino alla sua morte nel 2004 .

Questi due grandi uomini ci hanno lasciato una tradizione di cavatori e industriali e la consapevolezza di aver partecipato alla storia della costruzione e ricostruzione italiana.

E’ stata, quella della nostra azienda, una escavazione iniziata quasi per caso nei terreni di una azienda agricola, continuata dopo la guerra, sulla spinta della ricostruzione; ampliata grazie allu’unione con la “Fratelli Becagli”, azienda già famosa negli anni venti del secolo scorso e che ha nella sua storia tanta architettura, toscana e non, del periodo fra le due guerre.

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale la nostra azienda è stata protagonista della ricostruzione Italiana, e poi, col passare degli anni, si è sempre più internazionalizzata.

Ci sono state le grandi costruzioni in Arabia, le lastre per la Corea, la grande Moschea di Muscat, i rivestimenti in tutta Europa, le tablettes in Olanda e in Germania.

Fino agli anni novanta e all’apertura del grande mercato delle mattonelle per gli Stati Uniti, per anni decine di containers sono partiti da Rapolano alla volta di Miami o verso le coste della California.

Nel tempo, con il mutare dei mercati e delle tipologie della richiesta anche lo stabilimento è mutato, macchine hanno sostituito macchine, costante è rimasta la ‘coltivazione’ delle cave, se pure con un totale cambiamento di tecniche, macchinari e impegno umano. Escaviamo dalle nostre cave di Rapolano la calda pietra, tipica della nostra terra di Siena, della quale ricorda anche le tonalità; ne effettuiamo la segagione nelle nostre segherie e quindi nel nostro stabilimento concludiamo le lavorazioni. La nostra produzione spazia dai rivestimenti esterni, alle pavimentazioni (sia in misure standard che personalizzate) sino ai lavori particolari per interni e all’arredo urbano.

La pietra è il nostro bene più prezioso e cerchiamo di trarne fuori tutte le sue intrinseche capacità e possibilità.

La disponibilità delle nostre cave ci dà la possibilità di affrontare lavori di rivestimento e pavimentazioni anche di notevoli proporzioni.

Fra i nostri lavori più recenti ricordiamo il rivestimento del Campus dell’Università J.W. Goethe di Francoforte ,in Germania, progetto Architetto Ferdinand Heide, la nuova pavimentazione del Museo della Scienza di Firenze,progetto Architetti Guicciardini e Magni, che ha riaperto le sue sale alla fine del 2009, e il rivestimento dell’ex ceramiche Manciolli a Montelupo, Firenze, progetto architetto Martini.

Pensiamo di fare cosa gradita mettendo a disposizione alcune delle foto del nostro archivio, in parte derivanti dall’archivio della Società Becagli, che ebbe grande sviluppo nel ventennio fascista e produsse materiale per i grandi lavori dell’epoca, finanche la stazione di Berlino, e sulle quali si trovano i nomi dei grandi architetti del regime.

La maggior parte delle costruzioni sono in Toscana, ma anche a Tripoli e a Ginevra, a Milano e a Forlì o a LaSpezia.

E forse il vedere come alcune costruzioni abbiano mantenuto appieno, malgrado il passare degli anni, le loro caratteristiche permette a tutti noi di avere quella grande fiducia nella bellezza e nella validità di questo splendido materiale che vorremmo voi condivideste con noi !